nuove norme NTC

NTC: le novità per il miglioramento sismico e i materiali

Le novità delle norme NTC sono improntate a chiarire e aggiornare alcune parti delle norme vigenti, risalenti al 2008, con l’obiettivo di:

  • Aggiornare i riferimenti alle recenti edizioni delle norme UNI/EN
  • Integrare le norme con la normativa comunitaria e con gli Eurocodici che formano lo standard europeo per la progettazione delle strutture
  • Fornire più indicazioni per le verifiche progettuali da svolgere, su elementi secondari e quelli non strutturali, con lo scopo di aumentare la sicurezza degli edifici esistenti.

Inanzitutto, i riferimenti alle norme UNI, EN e ISO richiamate nelle norme tecniche sono resi più snelli e con una procedura di aggiornamento periodico degli elenchi delle specifiche tecniche volontarie richiamate dalle stesse norme.

Le nuove NTC per il miglioramento sismico, andranno in Gazzetta Ufficiale tra il 15 e il 20 febbraio.

Entreranno poi in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione. Ci sarà quindi da aspettare la circolare esplicativa.

NTC: il miglioramento sismico delle costruzioni esistenti

Per le costruzioni esistenti sono previsti dei livelli di sicurezza più bassi rispetto a quelli dei nuovi edifici, accettando un miglioramento che arrivi almeno al 60% del valore di sicurezza che compete ad un nuovo edificio, nel caso di scuole e costruzioni che ricadano nella classe d’uso IV.

Per classi d’uso II e III, gli interventi di miglioramento devono consentire un valore di sicurezza pari ad almeno il 10% di quello previsto per le nuove costruzioni.

NTC: i materiali per utilizzo strutturale

Vi sono inoltre novità legate agli aggiornamenti dei riferimenti in merito alla marcatura CE dei prodotti da costruzione a seconda del Regolamento UE n. 305/2011.

Un allineamento che ha comportato la modifica delle denominazioni delle certificazioni e delle qualificazioni utili per i prodotti strutturali.

Non sono state modificate le procedure e i rapporti tra i vari soggetti coinvolti nel controllo e accettazione in cantiere dei materiali.

NTC: novità per il calcestruzzo e l’acciaio

Per il calcestruzzo è state aggiunta la parte relativa al calcestruzzo fibrorinforzato per la realizzazione di elementi strutturali.

Per l’acciaio invece è stata considerata la norma UNI EN 1090, la quale ha stabilito la marcatura CE per gli acciai lavorati, eccetto le barre di armatura.

Gli interventi di adeguamento antisismico

Gli interventi per l’adeguamento antisismico, cambiano a seconda di parametri come: il tipo di costruzione, il tipo di struttura portante, le fondazioni su cui poggia l’edificio, la zona sismica in cui l’edificio ricade e in generale, il contesto in cui l’edificio è inserito.

La scelta del miglior intervento di adeguamento antisismico viene effettuata da un tecnico competente su una base di indagini diagnostiche e prove in laboratorio.

Lavori Industriali S.r.l. oltre che come impresa di costruzioni realizzatrice di edifici industriali, commerciali, civili, ristrutturazioni, ecc., ha maturato e consolidato esperienze nelle attività di ripristino ed adeguamento sismico, restauro e risanamento conservativo di edifici danneggiati dagli eventi sismici.

Quanto sopra permette una operatività rapida, ampia e flessibile nonché tecnicamente qualificata, anche, ed in particolare, per opere di primo intervento e messa in sicurezza, per la realizzazione delle quali può avvalersi delle approfondite competenze maturate.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here