Materiali di bassa qualità

Una delle più grandi paure quando ci si affida ad un’impresa edile è che risparmi sui materiali di costruzione.

Infatti, la preoccupazione generala è che una volta ottenuto il lavoro, l’impresa “speculi” sui materiali andando alla ricerca di prodotti di bassa qualità, così da abbattere i costi della commessa e assicurarsi un incasso maggiore.

Questo rischio diventa concreto quando il computo metrico viene redatto in modo approssimativo non elencando tutte le caratteristiche dei prodotti da utilizzare.

Ho già parlato in un vecchio articolo di come far passare il computo metrico da “documento sconosciuto” a “scudo protettivo verso le imprese edili truffaldine”, lo puoi trovare qui => Computo low cost: ecco la “trappola del prezzo” che devi assolutamente evitare

Purtroppo succede davvero che alcune aziende utilizzino questo stratagemma, ma quanto il committente è un privato (azienda o persona fisica) adottare questo trucchetto diventa un azzardo molto pericoloso.

Perché? Il motivo è molto semplice.

Il cliente privato spende direttamente i suoi soldi e, in caso vengano utilizzati prodotti di bassa qualità, può immediatamente aprire una contestazione che si trasformerà in causa legale mettendo in pericolo la solidità dell’impresa edile.

Ma come accorgersi quando si stanno usando materiali di bassa qualità, e quali rischi presenta questo metodo nel concreto?

Questo articolo fa parte delle 7 paure di chi sceglie un’impresa di costruzioni, scopri le altre 6 per scagionare ogni tuo dubbio => Le 7 paure di chi deve scegliere un’impresa di costruzioni

Come assicurarti che l’impresa edile non risparmi sui materiali per aumentare i SUOI margini

Il risparmio sui materiali da costruzione comporta, dopo la messa in opera, ovvero a costruzione completata, vizi e/o difetti che danneggiano l’integrità della struttura.

Per questo, lavorando principalmente con clienti privati, i prodotti che scegliamo sono prodotti di qualità per evitare il più possibile contestazione da parte del cliente.

Infatti I materiali utilizzati saranno quelli indicati nel computo metrico estimativo o materiali di pari caratteristiche tecniche e qualità e se non sono contemplati nel computo metrico inviamo la scheda tecnica del materiale per approvazione.

Qualora, durante l’esecuzione dell’opera, dovessimo trovare un prodotto migliore rispetto a quanto indicato in capitolato provvediamo ad inviare le schede tecniche al progettista/Direttore Lavori in modo possa verificarne la validità e la possibilità di utilizzo.

Allo stesso modo, indichiamo al cliente l’aumento o la diminuzione di prezzo rispetto a quanto previsto dal contratto.

In qualsiasi caso, i materiali sono sempre certificati secondo quanto previsto dalle normative di competenza.

Inoltre, per alcuni materiali da costruzione provvediamo noi (tramite laboratori autorizzati) a fare le prove previste dalla normativa vigenze. Ad esempio con il calcestruzzo, l’acciaio di armatura, ecc..

I consigli che posso darti per non rimanere fregato dall’impresa edile di turno sono:

  • Richiedi un computo metrico che sia il più completo e curato possibile con indicate le caratteristiche dei prodotti;
  • Richiedi che per i principali prodotti ti vengano inviate le schede tecniche e che tipo di prodotti saranno utilizzati;
  • Scegli sempre un’azienda seria;

Clicca sull’immagine qua sotto per contattarci per un lavoro:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here